Anche nel gioco il matto è vuoto

Buongiorno mio caro folle vagabondo, oggi vorrei parlarti della carta del Matto in qualità di assenza attiva. Lo so, può sembrarti un pensiero altamente filosofico che trae i suoi spunti da chissà quale libro ermetico, e invece salta fuori dal libretto di istruzioni del gioco dei Tarocchi, proprio il gioco di carte in stile briscola,... Continue Reading →

La bilancia dell’orbo

Mio caro folle vagabondo, oggi vorrei raccontarti una storia, una storia ermersa dalle carte, una storia emersa da dentro. Ho estratto cinque trionfi, Torre, Giudizio, Eremita, Giustizia, Imperatore. Ciò che leggerai è ciò che ne è riaffiorato. Di getto, d'istinto, d'incanto. Spero che possa risuonarti dentro. «La sottile differenza tra essere e credere, in cui... Continue Reading →

Purificare i Tarocchi è davvero necessario?

Mio caro folle vagabondo, faccio una dovuta premessa. Questo articolo è decisamente provocatorio e starà sulle balle a più di qualcuno, per cui metto le mani avanti. Ciò che muove i miei articoli è da sempre il desiderio di spingerti a ragionare con la tua testa anziché il farti scimmiottare azioni meccaniche soltanto perché «si... Continue Reading →

Da Amanti a Giudizio, decisioni al capolinea

Mio caro folle vagabondo, eccoci nuovamente insieme ad interpretare il passaggio tra due carte, in questo caso la transizione tra Gli Amanti e Il Giudizio. Se non hai ancora letto l'articolo Dalla Papessa all’Eremita, che dubbio! ti consiglio di farlo prima di procedere, per capire un poco il metodo di questo esercizio. Se vuoi approfondire... Continue Reading →

Il Giudizio, ambasciator non porta pena

Ciao mio folle vagabondo, oggi vorrei parlarti di una carta che spesso viene considerata ambigua o difficile da interpretare. Sto parlando dell'arcano XX, Il Giudizio. Vediamone alcuni tratti iconologici. Inizio con il precisarti che nei testi cinquecenteschi, come ad esempio il Sermones de Ludo, questo trionfo è spesso nominato Angelo, non Giudizio. In alcuni Tarocchi compare... Continue Reading →

Non mi sento un eremita

Non mi sento un eremita. Ho la possibilità di avere informazioni da ogni angolo del globo, parlare con i miei amici e parenti, leggere qualunque libro possieda o, in pochi gesti, ottenere qualunque libro sia attualmente in commercio. Posso ascoltare musica, guardare conferenze, spettacoli. Visitare, seppur senza corpo, i musei. Posso allenare il fisico. Posso... Continue Reading →

Dal Papa al Bagatto, dai il buon esempio!

Molto bene, mio caro folle vagabondo. Rieccoci ad interpretare il passaggio tra due carte, in questo caso Il Papa e Il Bagatto. Se non hai ancora letto l'articolo Dalla Papessa all’Eremita, che dubbio! ti consiglio di farlo prima di procedere, per capire un poco il metodo di questo esercizio. Ho deciso di scrivere una serie... Continue Reading →

Penny Dreadful, i Tarocchi e il pericoloso cliché

Ciao mio caro folle vagabondo, rieccoci nuovamente assieme. «Andrea, di cosa parliamo oggi?» Dunque, non so se ti sia capitato di guardare qualche puntata della serie televisiva statunitense "Penny Dreadful". La nota protagonista Vanessa Ives, interpretata dalla fantagnocca Eva Green, in una delle puntate entra in contatto con un bislacco mazzo di Tarocchi. Questo mazzo... Continue Reading →

Dalla Papessa all’Eremita, che dubbio!

Se in una lettura la persona sta transitando da Papessa a Eremita, cosa sta accadendo? Spesso il novizio (ma non solo lui) fa difficoltà a interpretare le transizioni delle carte, i passaggi. Si tende a leggere una carta alla volta, e dopo unirle, più che vederne il fluido movimento. Ragioniamo assieme. Il consultante è passato... Continue Reading →

I Tarocchi sempliciotti

Anna osserva il piccolo eremita di carta appoggiato sul tavolo, Arcano IX. Solleva lo sguardo verso di me, espressione da sopracciglio alto e volto rosso. «Grazie al piffero, Andrea, questo lo sapevo già da me», mi dice. «Bene, sei nella direzione giusta allora!», ribatto con un sorriso. «Ma che me ne faccio di sta risposta?... Continue Reading →

Scetticismo, Magia e Felicità

Riflettevo. Lo scettico, per partito preso, attacca qualsivoglia credenza che non appoggi su solide basi scientifiche e dati verificabili. I tarocchi, ovviamente, rientrano a pieno titolo nel calderone che lui adibisce alla ciarlataneria e all'ignoranza popolare. Dall'altro lato, agli antipodi dello scetticismo, c'è chi invece crede alla qualunque, prestando il fianco alle frodi più disparate.... Continue Reading →

Smettila di fare ai tarocchi domande poco smart!

«Andrea, stai per caso cercando di dirmi di non fare domande idiote?» Nonostante sia un utile consiglio, no, non è questo che intendo con domande smart. S.M.A.R.T. è un acronimo per definire come un obiettivo dovrebbe essere, ovvero Specifico, Misurabile, Attuabile, Rilevante, Temporizzato. Sebbene questa struttura derivi dal mondo del coaching e delle risorse umane,... Continue Reading →

I tarocchi tra Ragione e Sentimento

Caro mio folle vagabondo, vorrei parlarti di Ragione e Sentimento, come il titolo di uno dei più famosi romanzi di Jane Austen. Il tarocco, con le sue immagini allegoriche ed archetipiche, invitandoci a giocare con l'immaginazione, con intuizioni degne del linguaggio proprio del sogno, è vittima della convinzione che la ragione sia nemica, che studio... Continue Reading →

Il cartomante e il brindisi, Memento Mori

Mio caro folle vagabondo, per brindare alla vita devi accettare di sollevare il calice alla Morte. Arriverà prima o poi il momento del vostro fatidico incontro, la sua falce scenderà anche su di te, come per tutti. Vuoi continuare a sprecare il tuo tempo leggendo le carte per soddisfare il tuo ego, elargendo sentenze e... Continue Reading →

La cartomanzia e la radice di tutte le domande

Le domande che facciamo sono punte di iceberg. Non sono altro che piccole superfici appoggiate sull’esterno delle cose. Crediamo di chiedere del Cuore, del Profondo, e invece chiediamo della nostra epidermide, l’esterno confine del nostro mondo. Domande diverse che ne nascondono una soltanto. Ad essa tutte le altre domande riportano. «Riuscirò a cambiare lavoro?» «Ci... Continue Reading →

I tarocchi quanto tempo prevedono?

Ciao mio caro folle vagabondo, oggi vorrei parlarti in merito allo scrutare il futuro attraverso le carte e della domanda che ne sorge spontanea. «Andrea, quanto in là nel tempo possono prevedere i tarocchi? Cioè, posso chiedere ad esempio se tra anni succederà una determinata cosa? Oppure, possono prevedere cosa accadrà a distanza di anni?»... Continue Reading →

I tarocchi e l’epidemia della corsite

Mio caro folle vagabondo, c'è una terribile epidemia che ormai sta contagiando senza alcuna pietà quasi tutti gli aspiranti lettori di tarocchi. Dai sintomi facilmente riconoscibili ma spesso ignorati, questa subdola piaga uccide letteralmente i cartomanti, dato che cartomanti non lo diventeranno mai se non corrono subito ai ripari debellando l'infezione. Questa silenziosa malattia è... Continue Reading →

Il mazzo di tarocchi non esiste

Caro mio folle vagabondo, il mazzo di tarocchi non esiste. «Andrea, ma che diamine stai blaterando?» Va bene, cerco di spiegarmi meglio. Tutte le persone al mondo - e anche i sassi probabilmente - sanno che il mazzo di tarocchi contiene una misteriosa dottrina, insegnamenti segreti, un occulto sapere. Tutti sanno che attraverso il mazzo... Continue Reading →

Cos’hanno in comune il Joker di Todd Phillips, IT di Stephen King e il Matto dei tarocchi?

«La follia, è ovvio» potresti dire, ma forse c'è di più. Come abbiamo visto nell'articolo "Il matto, il sacco, il cane", il folle era associato originariamente alla stoltezza, all'irrazionalità, all'irrisolutezza. Innanzi tutto potrebbe stupirti il fatto che la parola folle derivi dal latino fòllis, che significa mantice, soffietto, pallone pieno di vento per giuocare e che fòllere stia ad indicare il muoversi... Continue Reading →

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑