I Tarocchi, misteri in piena luce

Avete mai avuto una esperienza mistica?

Provate a immaginare.

È il 1812.

Avete attraversato il deserto e vi ritrovate in strette gole di pietra, un canyon alto centinaia di metri stretto meno di una decina. La pietra è rosa intenso e in alto a malapena scorgete il sole. L’aria crea una corrente viva e un respiro che pare sussurrare antiche lingue.

Le curve del canyon non vi permettono di vederne la fine, l’unica cosa che potete fare è continuare ad avanzare fino a trovare un’uscita ma qualcosa di assolutamente imprevisto accade.

Ecco che le gole giungono a un’apertura e qualcosa di assolutamente impossibile ed imprevisto si spalanca davanti ai vostri occhi increduli.

Un tempio, alto più di cinquanta metri scavato nella più dura pietra, antico di duemila anni.

Venite sopraffatti dall’immensità della natura e dalla maestosità di antiche civiltà, ogni raziocinio si dissolve come la sabbia nel vento della Giordania.

Siete l’archeologo Johann Ludwig Burckhardt e avete appena scoperto El Khasneh, “Il Tesoro” di Petra, la città rosa.
Oggi considerata una delle sette meraviglie del mondo moderno.

1200px-Petra_,_Al-Khazneh_2
El Khasneh, immagine tratta da Wikimedia Common

Ho attraversato lo stesso canyon, il  Siq, e davanti a me si è spalancata la stessa visione.

Una esperienza mistica.

Non c’è modo di descrivere tale immensità della natura mescolata a tale maestria dell’operato umano in un dedalo di pietre e deserto, di colori e sabbia.

Percorrere il Siq nella notte illuminata solo da candele e trovarsi sotto El Khasneh fa perdere il contatto con il mondo conosciuto.

Ho portato con me questa sensazione e, la notte seguente, nel deserto di Wadi-Rum, mentre il mio cuore bambino si immergeva nel più bel tappeto stellato che abbia mai visto, ho assaporato tutto ciò che non si può descrivere a parole.

Tutto il mondo dentro, tutto il mondo fuori.

Mi sono tornate alla mente le parole di Gilbert Keith Chesterton, e ho capito che aveva perfettamente ragione.

“I veri mistici non nascondono i misteri, li rivelano. Pongono una cosa nella piena luce del giorno e, quando l’avete vista, essa è ancora un mistero.”

Così sono i Tarocchi, misteri in piena luce.

Se questo articolo ti è servito o ti ha emozionato, condividilo su facebook.
Un piccolo gesto può aiutare centinaia di altre persone.
Grazie di Cuore.

Leggi anche: un’anima alla (chiave di) volta

I commenti sono chiusi.

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: