Non basta essere uno strano di plastica

Tutti si identificano o vorrebbero identificarsi nel folle, nel pazzo, nel ribelle. In chi é fuori dagli schemi.

Tutti si credono fuori dal gregge, e fanno molte cose ovvie per esternarlo.

Tutti tranne il folle, il pazzo, il ribelle per davvero.
Lui fa semplicemente ciò che vuole.

Non ha bisogno di strani vestiti, strani trucchi, strani tatuaggi o strani comportamenti ed esternazioni. La sua follia non ha nulla a che vedere con l’esterno. L’esterno é soltanto il suo parco giochi. E gioca con ognuno di noi, ridendo della nostra prevedibile banalità.

Non basta

Non basta dire sono un mago, una strega, un alchimista, uno sciamano, se poi nulla di te è coerente con queste parole potenti e cariche di lavoro interiore.
I veri maghi, streghe, alchimisti o sciamani non hanno bisogno di attribuirsi un’etichetta, una definizione, né tanto meno di apparire o di vantarsi.

Non basta tatuarsi, vestirsi di nero, truccarsi dark, portare ciondoli con il pentacolo o possedere un libro delle ombre, se poi lo fai per sentirti la pecora nera, un inconsapevole bisogno di appartenere a una minoranza. 

Non basta leggere centinaia di libri su Tarocchi, Rune ed Esoterismo, se ti farcisci solo la mente di dogmi da ripetere a qualcun altro, senza aver mai messo in pratica null’altro che il mentale e senza mai aver messo in discussione nulla. 

Non basta fare le carte agli altri, se poi non sai nemmeno sistemare la tua di vita, se sei il peggior esempio per i consigli che dai al prossimo.

Non basta fare cose strane e provocatorie, se poi la tua vita riflette tutti i banali schemi di quelle di tutti gli altri. Avere diversi argomenti rispetto agli altri non significa aver lavorato su di te né tanto meno essere originali.

Non basta postare foto di donne e lupi con frasi celebri, se poi non fai altro che giudicare, lamentarti ed essere la caricatura inconsapevole del più banale degli stereotipi. Soprattutto se non hai idee tue.

Non basta sapere formule magiche copia-incollate alla bidibibodibibu se poi hai bisogno di fare legamenti d’amore cercando di piegare il libero arbitrio altrui.

Non basta forgiarsi di qualche stereotipo vistoso per poi festeggiare il 31 ottobre vestiti di nero, con un cappello, con il rivolo di sangue alla bocca in stile vampiro nel più classico dei cliché. Samhain non ha nulla a che vedere con questo. C’è gente che è morta sul rogo, e non certo per flirtare in discoteca come se non ci fosse un domani.

Non basta dire di aver praticato questo, quello o quell’altro, se poi quando entri in una stanza nessuno se ne accorge. Una persona consapevole, credimi, si sente da lontano, ha un magnetismo tutto suo. Anche se vestita nel più normale dei modi e se sta zitta.

Sappi che se in parte ti sei riconosciuto in queste descrizioni, se qualcosa ti ha ferito, se ti sei sentito attaccato e giudicato, non c’è nulla di male.

Sappi che se non ti ci riconosci per nulla, potrebbe anche essere che non lo vuoi nemmeno vedere.

Non è una critica, è uno spunto di riflessione.

Come mai ho scritto tutto questo in modo così provocatorio?

Perché se vuoi davvero diventare un lettore di Tarocchi, sappi che ti scontrerai con un sacco di finti strani, di persone egocentriche e convinte di essere magiche, ma che non saranno altro che persone banali con qualche maschera addosso.

Io li chiamo gli strani di plastica.

Lo sei anche tu in qualcosa, così come lo sono io in qualcosa. Diciamoci la verità.
Tutti siamo in cammino e nessuno di noi è ancora il prossimo Dalai Lama.

Per cui lotta ogni giorno per spaccare tutti questi schemi.
Sii te stesso.

Tutto il resto, semplicemente, non basta.

“Lezioni di Nirvana, c’è il Buddha in fila indiana, per tutti un’ora d’aria, di gloria.
La folla grida un mantra, l’evoluzione inciampa, la scimmia nuda balla.
Occidentali’s Karma.”

Francesco Gabbani

Se questo articolo ti è servito o ti ha emozionato, condividilo su facebook.
Un piccolo gesto può aiutare centinaia di altre persone.
Grazie di Cuore.

Leggi anche: le streghe hanno imparato a dire “NO”

I commenti sono chiusi.

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: