Il Cuore pulsa l’attimo

Ferma. Immobile.

Guarda avanti incurante del mondo.
Alle sue spalle, l’ignoto.

Le braccia spalancate come in croce.
Come ali di un albatro.

I piedi saldi come radici che penetrano il cemento.

Chiude gli occhi.
Respira, espira.

Ancora.

Chiusa in sé, aperta all’altrove.
Pronta.

A cadere.
Volare.
Abbandonarsi.

Il cuore pulsa l’attimo.

Si getta all’indietro.
Nel vuoto.
Come foglia d’autunno.

Occhi nel buio.
Anima nel vento.
Precipita. Vola. Fluisce.

L’afferro prima che incontri il cemento.
Lei ride. Libera. Vivace. Vitale.

Mi abbraccia.
Ci spostiamo dal centro della strada.

I suoni di clacson, passanti, parole – ritornano.

“vieni, rientriamo” – le dico.
Mi segue nuovamente al tavolino.
Tarocchi sparsi in una stesa.

Le indico la carta di cui stavamo parlando.

“Capisci ora?”
“Capisco”

“Quella sensazione lì”
Annuisce.

Non nelle parole –
la comprensione.

Se questo articolo ti è servito o ti ha emozionato, condividilo su facebook.
Un piccolo gesto può aiutare centinaia di altre persone.
Grazie di Cuore.

Leggi anche: il mozzicone, l’ego, l’Amore

I commenti sono chiusi.

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: