Esercizio: il viaggio del matto

Un modo molto efficace per comprendere gli archetipi dei Tarocchi ed interiorizzarli (e soprattutto per comprendere noi stessi) è il ripercorrere il nostro personale Viaggio del Matto.

  • In quale archetipo ci sentiamo?
  • Chi nella nostra vita ad esempio ha rappresentato l’Imperatrice?
  • Chi la sacerdotessa?
  • Quale situazione ci ha fatto sentire l’appeso?
  • E dove termina il nostro viaggio?
  • Dove inizia?
  • Quali gradini salta?

Come puoi vedere le domande che emergono sono tante, e sono profonde, e questo semplice esercizio si rivelerà di grande stimolo.

L’ESERCIZIO

Prendi gli Arcani Maggiori dal tuo mazzo di Tarocchi.
Riordinali dallo zero al ventuno e disponili formando un cerchio sul pavimento abbastanza grande da poterci stare dentro in piedi.

Assicurati di non essere disturbato per un po’, metti una musica di sottofondo e crea un ambiente confortevole.

Quando sei a tuo agio e hai lasciato il mondo fuori, entra nel cerchio, poniti al centro esatto e rivolgiti in modo da essere frontale alla carta del Matto.
A questo punto inizia il tuo viaggio dentro te.

Ripercorri tuoi ricordi e chiedi a te stesso quale persona o evento nella tua vita ha rappresentato Il Matto.

Può essere una situazione, puoi essere stato tu stesso o qualcun altro che ti ha fatto vivere l’energia di quell’archetipo.

Se a primo impatto non ti viene in mente nulla, prova ad andare a ritroso nei tuoi ricordi ancora un po’ o a meditare in modo più profondo.

Quando hai ben chiaro cosa nella tua vita è stato Il Matto come archetipo, ruota un pochino su te stesso in modo da essere frontale all’arcano successivo: Il Mago.

  • Quando ti sei concesso di essere Il Mago?
  • Chi è stato il Mago per la tua vita?
  • Quale esperienza?

Continua il percorso in ordine, da una carta alla successiva.

Se senti che per uno degli arcani non riesci a ricollegare nessuna esperienza del tuo vissuto, salta quell’arcano e procedi con il successivo fino a quando non ti accorgi che oltre non riesci proprio a proseguire.

Nota bene: Non è una gara, non devi per forza completare il cerchio, questa è una vera e propria introspezione per comprendere come ogni arcano possa manifestarsi nella vita di tutti i giorni e quali tasselli ancora non senti di aver vissuto appieno.

Fondamentale sarà l’essere onesto con te stesso.

Meglio trovarsi all’imperatrice e non saper davvero come proseguire piuttosto che illudersi di essere già alla carta del Sole, quando in verità non è così ma ci sentiremmo tristi nel realizzare di aver vissuto ben poche esperienze di crescita.

Annota tutto quello che emerge dal tuo viaggio sul tuo quaderno.

Quando leggi i Tarocchi, non serve parlare dei massimi sistemi se poi non sai come l’energia di un determinato arcano si riflette nel quotidiano o nella vita di ognuno di noi.
E ognuno di noi è in viaggio, un viaggio unico e irripetibile.

Capire su una mappa dove ci si trova è fondamentale per non perdersi.

I più, privi di bussola, cambiano sempre idea, in balia di una leggerezza volubile e instabile e scontenta di sé.

Lucio Anneo Seneca, La tranquillità dell’animo, I sec.

Buon cammino!

Se questo articolo ti è servito o ti ha emozionato, condividilo su facebook.
Un piccolo gesto può aiutare centinaia di altre persone.
Grazie di Cuore.

Leggi anche l’esercizio: arredare la propria Stanza.

 

I commenti sono chiusi.

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: