I tarocchi e l’epidemia della corsite

Mio caro folle vagabondo,

c’è una terribile epidemia che ormai sta contagiando senza alcuna pietà quasi tutti gli aspiranti lettori di tarocchi.

Dai sintomi facilmente riconoscibili ma spesso ignorati, questa subdola piaga uccide letteralmente i cartomanti, dato che cartomanti non lo diventeranno mai se non corrono subito ai ripari debellando l’infezione.

Questa silenziosa malattia è nota come «corsite».

Il contagio avviene in modo apparentemente innocuo, dentro ad un reparto esoterico di qualche libreria oppure semplicemente assistendo ad una banale conferenza gratuita sui tarocchi.

Ed ecco che così, senza accorgertene, ti ritrovi a comprare libri su libri, a frequentare corsi su corsi senza riuscire più a smettere.

Appena cercherai di mettere in pratica qualcosa, il bastardo virus ti farà venire un momento di fifa acuta e ti fionderà verso l’ultimissimo manuale cartomantico o il nuovissimo corso sul presunto rivoluzionario metodo di lettura innovativo.

L’infezione deriva da una pianta, ovvero: piantala

Piantala.
Mi hai sentito bene? Piantala.

«Ma, Andrea, è appena uscito il libro che parla di…»

Piantala.

«… e poi nella mia città questo mese viene a insegnare…»

Piantala.

Piantala di campare mille scuse pur di non iniziare mai a fare un vero consulto.
Lo so bene che hai paura, che non ti senti adeguato e tutto il resto, ma non esiste un altro modo di imparare a fare un consulto se non banalmente quello di fare un consulto.

Leggere un libro dietro l’altro o fare corsi su corsi ti serve soltanto se vuoi fare un minestrone di roba che nemmeno è coerente nei suoi contenuti o se vuoi riuscire nello straordinario record di non ricordare manco un significato che sia uno.

«Eh, chissà quando io riuscirò a parlare con la tua fluidità. Ma poi a te i significati vengono così, senza pensare! Come ti è venuta quella intuizione lì, ad esempio?», mi sento a volte dire da chi è alla prime armi.

Beh, ti svelo il mio ultimo segreto… non ci sono segreti.

  • Parlerai fluidamente quando avrai parlato centinaia e migliaia di volte.
  • Arriveranno i significati al volo quando li avrai usati centinaia e migliaia di volte.
  • Emergeranno intuizioni quando non penserai, e accadrà solo dopo che avrai interpretato centinaia e migliaia di volte.

Vuoi davvero diventare un lettore di tarocchi?
E allora, piantala con l’acquisto compulsivo di libri e corsi ed incomincia a «fare».

Un un abbraccio caldo e pieno,
Andrea

 

Se questo articolo ti è servito o ti ha emozionato, condividilo su facebook.
Un piccolo gesto può aiutare centinaia di altre persone.
Grazie di Cuore.

Leggi anche: perché nessun libro ti insegnerà mai a leggere i tarocchi

I commenti sono chiusi.

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: