I tarocchi quanto tempo prevedono?

Ciao mio caro folle vagabondo,
oggi vorrei parlarti in merito allo scrutare il futuro attraverso le carte e della domanda che ne sorge spontanea.

«Andrea, quanto in là nel tempo possono prevedere i tarocchi? Cioè, posso chiedere ad esempio se tra anni succederà una determinata cosa? Oppure, possono prevedere cosa accadrà a distanza di anni?»

Su questo punto c’è un po’ di nebbia solitamente.
Faccio una dovuta premessa, non amo svolgere letture previsionali. Inoltre, sull’esattezza di questa questione non credo esista una verità definitiva.

La leggenda vuole che i tarocchi siano attendibili per un massimo di sei mesi, c’è invece chi dice invece un anno, eccetera, eccetera, eccetera.

La cosa curiosa è che sento dei lettori ripetere a pappagallo queste tempistiche senza alcuna prova empirica, ma semplicemente perché lo dice questo o quell’altro autore.

Hanno davvero tutti fatto decine o centinaia di previsioni notando, con un preciso riscontro, che dopo sei mesi perdevano puntualmente di precisione? Ho i miei seri dubbi.

«Andrea, ma quindi tu non ci credi a queste tempistiche?»

Io semplicemente non credo che l’accento vada posto sull’arco temporale di una previsione, ma più sul comprendere la dinamica dietro a come e cosa le carte prevedano.

Faccio intanto la dovuta premessa che tutta la questione è una mera teoria, non esistono dei test su larga scala attendibili per dimostrare nessuna delle affermazioni date in merito alla presunta durata di una previsione del futuro con i tarocchi, ma a mio avviso avere una prospettiva può aiutare a comprendere eventuali risultati inattesi durante la pratica.

Dunque, si diceva il futuro.

Io intanto trovo una netta distinzione tra futuro e destino, ed è la stessa che intercorre tra strategia e tattica, che sono due termini presi in prestito dal campo militare.

La strategia è un piano a lungo termine per raggiungere un determinato obiettivo, vedila un po’ come la visione di insieme, il percorso da fare per arrivare alla tua meta.

Se ad esempio il tuo obiettivo fosse imparare a leggere i tarocchi, la strategia sarebbe quella di possedere un mazzo di tarocchi, conoscerne i significati e imparare a svolgere un consulto.

La strategia è quindi la sequenza a grandi linee di passi necessari. Per realizzare ogni singolo passo invece ti servono le tattiche.

Una tattica è più precisa e dettagliata, è operativa e serve a realizzare uno dei passi della tua strategia in modo preciso.

Sempre in merito all’esempio di voler imparare a leggere i tarocchi, dato che la tua strategia richiede tra le altre cose quella di possedere un mazzo di carte, una delle tattiche potrebbe essere quella di andare in quella precisa libreria esoterica in tale giorno negli orari di apertura e acquistare un determinato mazzo.

«Andrea, interessante, ma cosa diamine c’entrano le previsioni del futuro con i termini militari?»

Ebbene, io penso che il destino sia un po’ come la strategia della sorte, mentre il futuro è la somma delle sue tattiche.

Mi spiego meglio. Se ad esempio il tuo destino fosse quello di incontrare nella tua vita una determinata persona, il futuro invece sarebbe il fatto che tale giorno, per una sequenza precisa di eventi apparentemente fortuiti, sia tu che quella persona vi troviate nel medesimo luogo e siate obbligate a interagire.

«Cosa cambia nel modo di intendere le previsioni con i tarocchi?»

Cambia la prospettiva, quello che si cerca di osservare. Penso che sia differente prevedere il destino, ovvero ciò che a grandi linee prima o poi accadrà ma non in un tempo definito, rispetto al prevedere il futuro, ovvero la sequenza esatta e con i tempi precisi di ciò che sta per avvenire.

Per un singolo destino ci possono essere centinaia di tattiche possibili per raggiungerlo. Cercare di prevedere le singole tattiche può portare a fare previsioni inesatte rispetto al prevedere il percorso generale della strategia del fato.

Inoltre, ci sono tattiche in cui il nostro libero arbitrio può intervenire, quindi possiamo interferire con il corso degli eventi e cambiarli, ed altre tattiche in cui invece non abbiamo alcun libero arbitrio e quindi sarà più facile prevederle senza che le cose cambino nell’atto stesso di vederle.

Prevedere come ti comporterai ad un incontro galante è diverso dal prevedere le quotazioni della borsa di Wall Street. Puoi impattare molto sul tuo comportamento all’appuntamento galante, puoi impattare molto meno sulle quotazioni di Wall Street.

«Okay Andrea, ora mi è più chiaro. Prevedere il destino è più semplice che prevedere le singole tattiche del futuro, e prevedere una tattica futura in cui il libero arbitrio può interagire è meno attendibile rispetto a prevederne una in cui il libero arbitrio non ha alcuna influenza. C’è altro da considerare?»

Sì, c’è’ almeno un’altra cosa fondamentale a mio modesto parere da chiedersi: il destino è immutabile?

Su questo si potrebbe aprire un dibattito filosofico infinito. Io credo che i simboli delle carte, direzionati dal nostro pensiero, siano in grado di intercettare e proiettare, data una determinata energia del presente, ciò che è futuribile, ovvero ciò che potrebbe verificarsi nel caso in cui non intervenga una variazione nel libero arbitrio di persone o situazioni coinvolte dalla previsione.

In parole povere, la previsione è un riflesso delle circostanze della situazione presente e se qualcosa modifica le variabili in gioco, anche la sorte cambia.

«Andrea, ma alla fine, quanto tempo in là pensi che possano vedere i tarocchi?»

Secondo me non hanno un limite di tempo. Possono vedere il destino di una vita intera così come una singola tattica del futuro di dopodomani, ma alcuni fattori possono rendere inattendibili i responsi.

Ovviamente, maggiore è il tempo che passa da una previsione, maggiore è la probabilità che il libero arbitrio intervenga o che le circostanze cambino e che quindi la previsione fatta dalle carte non si verifichi.

In definitiva, le previsioni non hanno secondo me una data di scadenza ma tutto dipende da cosa cerchi di osservare.

Puoi continuare a misurare il tempo oppure decidere di osservare il percorso.
E dopo, decidere se e come interagire con le tattiche del futuro.

Un caldo e profondo abbraccio,
Andrea

Se questo articolo ti è servito o ti ha emozionato, condividilo su facebook.
Un piccolo gesto può aiutare centinaia di altre persone.
Grazie di Cuore.

Leggi anche: i tarocchi e l’epidemia della corsite

I commenti sono chiusi.

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: