Dalla Papessa all’Eremita, che dubbio!

Se in una lettura la persona sta transitando da Papessa a Eremita, cosa sta accadendo?
Spesso il novizio (ma non solo lui) fa difficoltà a interpretare le transizioni delle carte, i passaggi. Si tende a leggere una carta alla volta, e dopo unirle, più che vederne il fluido movimento.

Ragioniamo assieme.
Il consultante è passato da una situazione di Papessa ad una di Eremita.

Prima di tutto cerchiamo di usare la logica e di evitare di lanciarci in sensazioni istintive e puramente arbitrarie. Quindi prendi un foglio di carta e una penna e metti via le carte.
Scrivici sopra i nomi delle le due carte di questo esempio, con una bella freccia in mezzo in questo modo:

Papessa → Eremita

Come mai usare un foglio di carta e una penna invece di osservare direttamente le carte del mazzo?
Questo perché è importante partire dal leggere le carte, non leggere se stessi, o si rischia di fare voli pindarici e soggettivi.
Inoltre, avendo solo il nome dell’allegoria, non vieni forviato dalla singola rappresentazione di un mazzo specifico attraverso colori, direzione dei personaggi, simboli specifici e via dicendo.

Papessa ed Eremita, dicevamo.

Il consultante sta passando da una situazione di Papessa per andare a Eremita. Da che situazione sta partendo? Cosa significa Papessa?

Se hai letto il mio articolo La Papessa, la povera incompresa, sai che la Papessa storicamente è la rappresentazione allegorica della virtù teologale della fede.

Bene, si parte da una situazione in cui il consultante ha fede.

Cosa significa avere fede? Significa che si crede in qualcosa a prescindere, con accettazione acritica di tale idea, senza averne necessariamente delle prove a supporto. Prova a cercare di far ragionare qualcuno che è convinto di qualcosa e capirai appieno il concetto di essere fedele a una idea in modo acritico.

Si è dunque convinti in modo totale di qualcosa. La Papessa ci informa di questo.

Non avendo una domanda ma essendo solo un esercizio, non sappiamo in cosa ha fede, ma il concetto ci arriva.

Fin qui, tutto bene.

Ecco, però, che il consultante va da questa situazione di fede a una situazione Eremita. L’eremita, espressione del Tempo, si allontana dalle tentazioni al fine di raggiungere la comprensione del divino, una Ricerca.  Una persona che medita a lungo, allontanandosi dalle distrazioni.

Quello che a questo punto dovrebbe metterti la pulce nell’orecchio, in relazione alla papessa, è che l’eremita cerca delle risposte.

La papessa le possiede già, è convinta, ha fede. L’eremita invece se avesse già tutte le risposte non si incamminerebbe a cercare la verità, evitando con fatica ogni tentazione diabolica.

Lui pensa, medita. Non è più convinto in modo assoluto.

Il consultante passa quindi dall’essere convintissimo di qualcosa al mettersi alla ricerca di una risposta. Quale parola potremmo scrivere sopra al foglio, subito sotto alla freccia che va da Papessa a Eremita?

Io ti do una mia interpretazione, lungi dall’essere l’unica possibile.

Quello che sta accadendo è che la persona sta dubitando. Qualcosa le ha tolto fiducia nelle proprie convinzioni, si sta interrogando. Se prima era totalmente convinta ora non lo è più. Da persona convinta a persona che pensa e medita a lungo.

Dubbio, è la parola che scriverei io sotto la freccia.

Cosa sia stato a causare tale dubbio nel consultante non lo sappiamo, dipende dalle carte precedenti. Dove porterà questa ricerca, non lo sappiamo, dipende dalle carte successive.
Quello che però sappiamo è che se prima la persona era molto convinta ed ora non lo è più così tanto.

Troppo semplice o banale? Forse, o forse andiamo spesso a cercare interpretazioni terribilmente complesse e arzigogolate, perdendoci l’essenziale.

Semplifica, semplifica, semplifica. Solo dopo, espandi.

In questo articolo non voglio semplicemente descriverti una possibile lettura di transizione tra due carte, ma farti cogliere un metodo per ragionare e allenarti nel leggere i movimenti in modo sintetico e il meno soggettivo possibile.

Tu, invece, come interpreteresti questa transizione di carte?

 

Se questo articolo ti è servito o ti ha emozionato, condividilo su facebook.
Un piccolo gesto può aiutare centinaia di altre persone.
Grazie di Cuore.

Leggi anche: i Tarocchi sempliciotti

I commenti sono chiusi.

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: