Attenzione: quando consulti le carte non stai solo leggendo, stai anche scrivendo

Mio caro folle vagabondo, oggi vorrei raccontarti di una cosa potente ma molto poco conosciuta.

Mi è stata insegnata diverso tempo fa ma ci ho impiegato ben due anni a coglierla davvero, sono un po’ tonto. Quando poi l’ho capita, questa cosa è stata una piccola gigante rivoluzione, non ho più guardato ai Tarocchi nello stesso modo.

Hai presente la frase che dice «attento a ciò che desideri perché potresti ottenerlo»?

Ecco, il punto è questo. Un giorno mi è stato insegnato che «rispondere alla domanda carica la questione», e se una lettura è fatta con i crismi nessuna frase si rivela più azzeccata.

Una lettura di Tarocchi include una sorta di incantesimo

Proprio così. Se un consulto viene svolto in un certo modo non solo potresti ottenere delle informazioni dalle carte, ma metti parallelamente in moto una ruota che genera dei cambiamenti in merito al quesito posto.

No, non sto parlando di suggestione psicologica o di profezie che si auto avverano. Nulla di tutto ciò.

«Andrea, non ti seguo…»

Cerco di essere più chiaro con un esempio.

Una persona un giorno mi ha richiesto un consulto. La domanda riguardava il come potesse far diventare il suo hobby un lavoro. Voleva inoltre sapere se c’erano i giusti presupposti per farlo. Aveva delle resistenze in merito al farsi pagare dei soldi per ciò che le piaceva fare, il che non le rendeva semplice il fatto di farlo per davvero.
Questa persona, inoltre, aveva un lavoro stabile a tempo pieno, per cui non aveva necessariamente bisogno di lavorarci con il suo hobby né tantomeno aveva alcuna fretta.

«Andrea, e allora?»

E allora due giorni dopo il consulto, come un fulmine a ciel sereno, lei è stata licenziata.

Trovandosi senza lavoro dall’oggi al domani questa persona ha dovuto superare il timore del farsi pagare, iniziando così a fare della sua passione il suo nuovo lavoro. Proprio quello su cui aveva interrogato i Tarocchi e che andava cercando. Solo che certamente non desiderava di trovarsi senza lavoro dall’oggi al domani e né tanto meno se lo augurava.

Diciamo che la ruota l’ha messa in una posizione ottimale per poter realizzare il suo desiderio, sebbene apparisse del tutto una cosa negativa.

Una mera coincidenza significativa? Certo, può essere.

Solo che succede, e succede anche abbastanza spesso che poi un consulto venga seguito da strani e imprevedibili cambiamenti. Una statistica quantomeno bizzarra per essere il frutto del semplice caso.

Quando chiedi qualcosa non stai solo domandando, stai agendo nel mondo, stai organizzando delle intenzioni davanti a dei simboli. Questo sembra avere un suo effetto, al di là poi della risposta che le carte daranno in merito alla questione.

Allo stesso modo, quando sei tu a svolgere consulti ad altri è bene che tu sia consapevole che possa accadere. Le persone molte volte chiedono senza alcun criterio, per mera curiosità, non hanno la minima idea di ciò che mettono in moto.

Sta a te responsabilizzarli, informarli, chiedere loro se sono davvero sicuri di voler domandare.

Fai attenzione a quanto, come e per cosa interroghi le carte. Potresti trovarti ad ottenerlo, solo non nel modo che avevi previsto.

Un abbraccio caldo e pieno,
Andrea

 

Se questo articolo ti è servito o ti ha emozionato, condividilo su facebook.
Un piccolo gesto può aiutare centinaia di altre persone.
Grazie di Cuore.

Leggi anche: il Potere dell’azione contraria

 

I commenti sono chiusi.

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: